Social Media

borderlife

fotoblog2
Condividi
FacebookTwitter

Io ho 16 anni, quasi 17, è estate, sono contento di essere in vacanza e me la godo.
Sono stato promosso, tutto ok, ho una gran voglia di fare qualcosa, per questo faccio molte attività, poi SOPRATTUTTO non vedo l’ora di andare da qualche parte all’estero a studiare, a visitare il mondo. Ma cavolo, cavolo, io solo poco fa mi sono reso conto che questi miei sogni, questa mia vita, non è la normalità, è un lusso, è un vizio! Mi rendo conto che scorrono a tutti noi sulla pelle notizie e reportage al telegiornale, le storie spesso raccapriccianti che al massimo ci fanno drizzare i peli e ci paralizzano per qualche minuto. Bene, poi tutto passato, abbiamo capito che è successo qualcosa di bello o di male a qualcuno in giro, ci dispiace e stop. Però accidenti! Ora io la vedo un po’ diversamente perché ho avuto la fortuna di passare qualche giorno a Ventimiglia. È facile cercando un po’ su internet trovare qualche informazione sulla situazione, è TOTALMENTE diverso esserci. Ora come ora per me non è stato drastico o drammatico, eppure sconvolgente. Quella situazione di “emergenza” lo è a livello mediatico, politico, sociale. Quando Adam sorridendo
viene ad aprirti questo cancello della Chiesa di Sant’Antonio a Roverino, frazione di Ventimiglia, tu non vedi un’emergenza, vedi piccoli uomini, famiglie, storie, vite. Inizialmente io mi sono veramente sentito scombussolato.

fotoblog1

È una grande famiglia: dalla chiesa, piccolo “campo” provvisorio allestito per le famiglie ed i minorenni, essendo quello da 300 persone gestito dalla Croce Rossa pieno, si passa il tempo tutti insieme, tutti allo stesso modo. Ci sono persone della MIA età che hanno viaggiato sole, per mesi, con mezzi p a z z e s c h i ( p r o p r i o PAZZESCHI). Io mi sento a disagio, fra una partita a calcetto e l’altra a chiedere “where do you come from?” o “how old are you?” e solo dopo un po’ che chiacchieriamo mi sento di domandare “where do you wanna go?”. Solamente dopo uno o due giorni passati nel campo a dipingere, dare lezioni di italiano, fare da traduttore per i medici, imparare scioglilingua in arabo ci si sente parte di quel piccolo mondo. fotoblog3Poi unicamente dopo essere tornato a casa, stremato e bollito, mi rendo conto della fortuna di cui ho parlato prima: a parte la condizione in cui si trovano ora, ci sono miei coetanei che, mentre io mi organizzo per una festa con gli amici fra una settimana, loro con il sorriso mi dicono “I’m goin tu stai tri monfs her and then try tu go in Inghilterr”. Io li stimo. Le conversazioni non sono dialoghi: sono spettacolari esibizioni teatrali dove tre parole su quattro sono in arabo, le mani si
agitano velocemente e gli occhi mi scrutano per osservare la mia reazione. La tensione è palpabile, è facile che nasca un litigio, che scoppino discussioni per piccole incomprensioni, è comprensibile, eppure regna una perenne armonia, positività, voglia di vivere.

fotoblog4

Si gioca a calcio sotto il sole di mezzogiorno, si stringono migliaia di mani, si ride per una clamorosa perdita a carte. Ne ho parlato anche in questa puntata:

Ci sono coloro che rompono, come sempre, dicendo che i ragazzi che arrivano da laggiù sprecano le nostre risorse, passano il tempo facendo nulla. Dico loro due cose:
1. Andate a Casa Papa Francesco, a Sanremo. Lì ci sono persone che sono arrivate dai più strani posti del mondo e in casa vanno solo per dormire, il resto del giorno sono a fare tirocini. Sono coloro che al posto di tentare di proseguire verso mete più lontane hanno deciso di restare in Italia, vivere qui.
2. Come volete impiegare il tempo di ragazzi che hanno viaggiato per mesi su deserti di sabbia e poi sul deserto blu più pericoloso di tutti?

fotoblog10
Io sono ottimista, so che un giorno, qualcuno di quelli che si vedono in TV riesca ad avere un’illuminazione per riuscire a far cessare le gravi controversie che costringono i nativi ad emigrare, non costringendo vite ad essere interrotte o drasticamente cambiate.

fotoblog6
Noi siamo fortunati, noi possiamo fare qualcosa, dobbiamo farci sentire, dobbiamo amare! Noi siamo adolescenti, noi possiamo essere ascoltati. Loro sono gente in gamba simpatica, solo molto sfortunata. Invidio loro solamente una cosa, sanno giocare a calcio troppo meglio di me.

Tommi Boom

P.S.: la mia amica Anna, che è venuta con me per qualche giorno, ha scritto qualcosa di più profondo ed importante che dovete leggere, qui.

Condividi
FacebookTwitter

Leave a Reply