Social Media

Tutti gli articoli

PROVA_Call_Artista-01-01

Suoni? Ci vuoi provare? Provaci a Teen Parade!

Sei un cantante, un rapper o una band e hai meno di 20 anni? Vorresti avere un palco su cui esibirti e un pubblico che ti acclama?
Vieni a Teen Parade il 6 e 7 settembre a Bologna Fiere, il festival annuale di Radioimmaginaria in cui il lavoro viene spiegato dagli adolescenti. Come sarà il lavoro che faremo? Iniziamo adesso a costruire il nostro futuro, immaginando e progettando il mondo che verrà.
Ma che festival è se non c’è la musica? Vogliamo dare a tutti quelli che “ci stanno provando” la possibilità di esibirsi sul palco di Teen Parade: più di 10 band e artisti al giorno avranno la possibilità di far sentire la loro musica a un pubblico atteso di 15 mila persone e potranno raccontare la loro esperienza e farsi conoscere anche dai grandi artisti invitati quest’anno (ancora TOP SECRET) del calibro di Clementino, Shade e Dj Woody (Teen Parade 2016).
Se hai meno di 20 anni e vuoi provarci, provaci con noi!
Manda il tuo pezzo ENTRO IL 10 LUGLIOradioimmaginaria@gmail.com con una piccola bio e rispondi a queste domande (se hai il coraggio eheh):
– Ti sei mai esibito di fronte a un grande pubblico?
– Hai mai aperto il concerto di una band o artista famoso?
– Vorresti che la musica diventasse il tuo futuro? 
Radioimmaginaria ti aspetta, non mancare!!
Ciaoooo
Ra rid

Guerrilla Gardening a Ravenna

Salve popoloooo!

Sabato in Darsena Pop Up a Ravenna, dove c’è la nostra sede, c’è stato un evento interessantissimo sul riciclo e l’uso dell’acqua e sull’importanza del verde nelle nostre città. C’era infatti in corso un Guerrilla Gardening, una specie di protesta ambientalista in cui dei volontari piantano delle piante. Faceva caldissimo e il nostro spikka Luca non ha perso l’occasione per farsi riconoscere 😱😱😱

Guerrilla Gardening 1 rid

I ragazzi di Tralenuvole ci hanno aiutato a costruire dei vasetti con delle bottiglie di plastica che abbiamo deciso di tenere dentro il nostro Startʞube. Sono FAGIOLI NANIIIII!! 😍

Guerrilla Gardening 2 rid

Guerrilla Gardening 3 rid

Guerrilla Gardening 4 rid

 Alla fine ci hanno anche aiutato a piantare la nostra pianta personale appena fuori dalla struttura Pop Up. Pensavamo fosse lavanda ma ci hanno poi detto che era un tipo particolare di salvia. Allora l’abbiamo chiamata Salvia la Lavanda! Ovviamente come secondo nome, Radioimmaginaria 😂

Guerrilla Gardening 5 rid

Se passate di qua, datele un po’ d’acqua. Potete venirci sempre a fare un saluto tutti i giovedì dalle 18:30 alle 20:30!

Guerrilla Gardening 6 rid

 

Flyer_WEB_PrayForArianators-01

Radioimmaginaria is Manchester

Per la prima volta un attacco proprio per colpire noi adolescenti. Abbiamo voluto raccogliere i nostri pensieri e le emozioni dal mondo qui. Aggiungetevi.

«Assemblea d’Istituto.
Gran casino, risate e battute.
Io chiacchiero, faccio i cavoli miei, un po’ ascolto, un po’ studio per l’ora dopo. Nessuno però riesce a capire a cosa sto pensando: sono fra le nuvole e sto pensando alla ragazza…

Manchester Arena
Gran casino, risate, battute.
Un tipo passa, si fa i cavoli suoi, sembra emozionato e freme per il concerto. Però nessuno può capire a cosa sta pensando, nessuno capisce cosa può accadere.

Assemblea d’Istituto
Viaggio con la mente, mi chiedo cosa potrei fare, come cambiare la mia vita e trovare qualcosa di grande in cui credere. Lei lo sa che mi piace?

Manchester Arena
Il tipo è agitato. Lui ha già trovato qualcosa in cui credere. Lui ci crede e talmente tanto da non volerlo un futuro, almeno, non qui sulla Terra.

Tutti sono sconvolti, lo sono anche io. Questa cosa chiamata “terrorismo” è vero e proprio terrore. Il terrore reale però, non è quello di coloro che sono stati colpiti da questa disgrazia immensa, non è quello di chi ha perso qualcuno, quello è dolore, è paura e forse peggio. Il terrore è il nostro, è quello che quei pazzi estremisti vogliono mettere in noi credendo possa fare cambiare le nostre vite. Il terrore è quel sentimento che noi proviamo, non ce ne accorgiamo, ma tutti sappiamo che c’è, non va bene, e che dobbiamo sorpassarlo.
Noi siamo giovani, belli (magari), felici.
Noi possiamo pranzare con un amico, possiamo chiacchierare spensierati, possiamo andare tranquilli ad un concerto…no?

Quel tipo terrorista spregevole io non lo conosco, nessuno, per quanto possa scavare nella sua vita, potrà mai conoscerlo davvero. Nessuno conosce nessuno, nessuno può veramente impedire a chiunque di pensare ciò che vuole e tutti possono lasciar pensare gli altri quello che vogliono.

Il terrorismo è lo sconosciuto, è il pensiero di chi si sente impotente.

Per sconfiggere il terrore bisogna conoscere, amare, essere amici, essere fidanzati.

Chissà se quel ragazzo di soli 22 anni è andato consapevolmente a prendere i chiodi per preparare la bomba. Chissà se durante il concerto quando ha visto tutti quei ragazzi pieni di gioia li ha odiati di più o per un secondo ha pensato di non farla più saltare quella bomba.

Con tutta l’attenzione che hai messo nella preparazione del tuo piano di morte perché funzionasse alla perfezione, come ti è potuta sfuggire tutta la bellezza che ci circonda? Ehi tu terrorista di 22 anni che hai esploso chili di chiodi in mezzo a ragazzi come te, come avrei voluto esssere nei tuoi pensieri in tempo per suggerirti che con l’amore, la condivisione e la felicità trovata nelle più piccole cose, forse non saresti diventato un terrorista e adesso saremmo ancora tutti vivi.»

Tommi, 16 anni

«The thing that is so tragic about this event is that most of the people affected were children. Ariana Grande is a role model for so many young children and it’s just really tragic and sad. It breaks my heart to hear it because I don’t understand why anyone would want to hurt a child, how could they prove themselves so evil? It is so umbelievable to deserve such a thing like death while having fun. I’m quite badly affected by this because I live in Bath and Mancester is really closed to where I live. Paris, London, now Manchester, the period of time seems to be getting less and the location seems to be getting nearer to me. and I feel like a bit paranoid when I hear about these things. You don’t know when and where things like this gonna happen. I’m honestly terrified about it. It makes me sad, angry, horrified, and terrified for my own life and for the lives to come.» Annabel, 15 anni

«Ogni adolescente è meraviglioso perché ogni cosa che fa la fa con la meraviglia della prima volta» Louis Malle

«Una promessa di futuro. Gli occhi dei ragazzi che guardano i loro primi concerti sono uno spettacolo che i genitori non dovrebbero perdersi. Non stanno guardando il loro idolo del momento: stanno cercando di intravvedere in tutto quel buio, in tutta quella luce, quello che sarà di loro. Gli amori, le speranze, i dolori, le allegrie, i viaggi, la musica, i sogni.» Alberto Infelise, La Stampa

«From the bottom of my heart, I am so sorry. I don’t have words.» Ariana Grande

«Sono convinta che andare ad un concerto debba essere un’esperienza fantastica e che vada goduta, per questo gli attentati si verificano in posti dove la gente va a divertirsi: vogliono farci avere paura di uscire e viaggiare» Noemi, 15 anni

«Andare al concerto di un artista che amiamo è una libertà e un diritto incontestabile. Cantare a squarciagola le canzoni che per anni ci hanno commosso e che abbiamo sempre ascoltato esclusivamente attraverso un paio di cuffie è un piacere che non è paragonabile a nulla: euforia, eccitamento, commozione.» Pischelli In Cammino

«One coward. Thousands of heroes, helpers and healers» Nicki Murray

«Quando sono venuta a sapere dell’accaduto mi si è stretto il cuore. È stato tremendo, mi sono immaginata la paura che hanno provato tutte quelle persone e ho pensato che potevo esserci io, ma questa volta molto di più delle altre. Quando però sarò grande e ci ripenserò voglio ricordarmi quello che é successo non come il gesto orrendo di una persona crudele, ma come la donna che ha portato in salvo in un hotel 50 ragazzi, come i tassisti musulmani che offrono dei passaggi a chi ne ha bisogno, come il senzatetto che soccorre le vittime togliendo i chiodi dalle braccia dei feriti» Ludovica, 17 anni

«Not because it happened to Ariana but because it happened to someone who could have been us. The 22 beautiful angels were people and fans like us. Maybe they were waiting for that moment for months and months, counting the days, picturing how the feel of being at the concert would be. This world need to change.» Ariana Shady Facts

«Io condivido molto questa frase che ho letto oggi sui social: dai concerti si dovrebbe tornare senza voce, non senza vita» Adele, quasi 13 anni

«I palloncini rosa hanno invaso l’Arena di Manchester proprio mentre scoppiava la bomba. Da un lato l’anelito e il profumo di cielo e dall’altro un gran puzzo di inferno. Sopra il gioco, la voglia di stare insieme, e sotto la paura e la morte. Fino a ieri questi palloncini erano una innocente moda generazionale, adesso sono i palloncini della libertà offesa.» Francesco Merlo, La Repubblica

«Il prossimo è facile odiarlo/ se sei forte amalo/ che a fare stragi/ siamo tutti capaci» Fuck The Violenza, Caparezza

«Music is about the fans. It is about that connection you feel when you come to a show and cheer and sing along, and you feel like you’re right there with the artist. It’s about the bond we feel with each other in that room when we are all standing side by side singing with our friends. We can’t let anyone stop that or tear that bond apart.» Andrew Gertler

«Sono molto scosso da quest’evento. Avrei molta paura adesso di andare ad un concerto o comunque di trovarmi in una situazione molto simile a questa. Non ci sono i controlli che dovrebbero esserci e quindi si respira un’aria di tensione ed ansia. Spero che davvero si rendano conto del fatto che in così poco tempo riescono a fare così tanto male e mi auguro che sul serio qualcuno prenda dei provvedimenti. Non è possibile assistere ad un concerto con mille ansie e mille pensieri per la testa. Vado ad un concerto per divertirmi, per ascoltare il mio artista preferito. Non potrei mai immaginare che possa capitare una cosa del genere. Non ho parole.» Andrea, quasi 16 anni

«Una serata, attesta da mesi, da settimane, da ore, da minuti. Ritrovarsi con la propria migliore amica cantando, urlando, piangendo per la felicità sapendo che il tuo idolo, caspita, è lì davanti a te, solo per te e per le altre migliaia di persone presenti al concerto. La serata più bella della tua vita che si è trasformata nella FINE di essa. Ad un concerto bisognerebbe perdere la voce, non la vita!» Diletta, 14 anni

«Il 22 maggio Manchester è stata tristemente toccata da un attentato terroristico (come quelli di Parigi o Berlino o Stoccolma) durante un concerto. A questo proposito vorrei parlarvi di paura. Essendo parigina mi è (purtroppo) capitato più volte di abitare in una città colpita da un attentato. Non è una situazione facile, bisogna saperla gestire. La paura è tanta, l’isteria collettiva anche. Ed è qui che noi adolescenti entriamo in gioco, perchè abbiamo una leggerezza intrinseca (ben lontana dalla superficialità) che ci permette di alleggerire l’ambiente che ci circonda. Come farlo? Semplice, divertendosi! Non bisogna mostrare di avere paura. Bisogna ridare vita alla città, mostrarsi fuori di casa, senza timori. Bisogna andare a ballare, ai concerti e nelle terrazze dei café. Bisogna far ballare un’Europa che non lo vuole piùIlaria, 18 anni

Flyer_WEB_Salone del libro di Torino17-01

Salone del Libro di Torino, il 19 maggio ci siamo anche noi!

Finite un libro dietro l’altro? Leggete fumetti dalla mattina alla sera? Siete sempre sulla pagina del vostro scrittore preferito per vedere quando ci sarà il suo firmacopie nella vostra città? Beh allora forse potreste venire a trovarci a Torino al Salone del Libro!

Ogni anno al Lingotto, che è un posto fighissimo in cui si fanno eventi e fiere, c’è il Salone del Libro, una fiera storica sul mondo del libro e dell’editoria.

Quest’anno sarà dal 18 al 22 maggio e venerdì 19 ci saremo anche noi! Ci trovate dalle 11.30 allo stand della Feltrinelli insieme a Smemoranda per presentare il nuovo diario e dalle 15 allo stand di API Torino. Alle 16.30, sempre allo stand di API, intervisteremo in diretta anche Chiara Appendino, sindaco di Torino!

Se volete partecipare andate qui, altrimenti seguiteci in diretta qui sul nostro sito o sulle nostre pagine Facebook, Twitter e Instagram!

campione-amico

Un campione per amico con Banca Generali: 11 maggio, Reggio Emilia

Buongiorno topoloni!

Oggi siamo a Reggio Emilia per la nostra prima tappa di Un campione per amico, un progetto che Banca Generali fa in giro per l’Italia insieme a quattro leggende dello sport italiano.

Come ci avevano spiegato a Roma il 10 aprile alla conferenza stampa per la presentazione dell’edizione di quest’anno, in Piazza della Vittoria verranno montati dei campi da calcio, pallavolo, tennis, ginnastica e i ragazzi delle scuole elementari e medie che parteciperanno a questo evento potranno mettersi in gioco insieme a dei maestri davvero speciali. Infatti saranno Jury Chechi, Andrea Lucchetta, Ciccio Graziani e Adriano Panatta (quattro atleti italiani fortissimi!) a scendere in campo con i ragazzi per fare con loro una mega lezione di educazione fisica all’aperto e per parlare dei valori dello sport.

 Tutto inizia alle 9 e noi saremo lì per raccontare cosa succede e intervistare i quattro sportivi. Ci saranno un sacco di musica, racchette, palloni e noi non vediamo l’ora! Seguiteci in diretta dalle 9! 💣

IMG_4049

Seeds&Chips: Barack Obama a Milano!

Oh raga, stamattina abbiamo visto BARACK OBAMA, vi rendete conto??

Infatti siamo stati a Seeds&Chips, la fiera del cibo e dell’innovazione a Milano.

C’erano un sacco di stand con aziende e startup che cercano di inventarsi il cibo del futuro. Appena entrati per esempio c’era un’azienda che ha inventato delle mini incubatrici a forma di esagono che permettono a tutti di avere un piccolo orto in casa, poi c’erano dei ragazzi che hanno creato una macchina tipo quella del caffè che da una capsula ti fa delle tortillas e uno strumento che dalle onde elettriche emesse dalle piante fa uscire della musica. Che figo!

C’era tantissima gente, anche perchè alle 14.30 c’era un evento molto importante: una conferenza di Barack Obama. Noi avevamo 3 pass (pensate che il biglietto per assistere costava 850 euro!) e quando siamo entrati in questa sala gigante piena di giornalisti ci batteva forte il cuore. Quando poi è entrato Obama è stato belissimo!

IMG_4096

Ci siamo messi in prima fila per poterlo vedere meglio e ce l’avevamo a 20 metri! Ha fatto un discorso molto bello (noi abbiamo preso le cuffie con la traduzione simultanea altrimenti non avremmo capito niente ahaha) e ha parlato soprattutto del problema del cambiamento climatico e delle disuguaglianze enormi che ci sono tra paesi del mondo in cui il cibo viene sprecato e altri in cui non c’è nemmeno. La cosa che ci ha colpiti di più è che è riuscito a parlare di temi un po’ complicati per noi in un modo molto semplice, che siamo riusciti a capire.

Per noi è stato un grandissimo onore poter partecipare e ci ricorderemo sempre di questa occasione unica!

poetica

Alziamo un’antenna a Parigi: National Geographic e diretta!

Avete mai visto quel giornale che in copertina ha delle bellissime foto con la cornice gialla intorno? Di solito sono foto di animali, panorami mai visti, o la foto di quella ragazza afghana con gli occhi verdi che ha fatto il giro del mondo. Avete capito (c’è anche un canale di Sky)? Ecco siamo andati a quella mostra perchè sono passati 125 anni da quando un gruppo di fotografi naturalisti ha fondato questo movimento chiamato National Geographic che poi è diventato il giornale naturalistico più famoso del mondo.

Puma hollywood

All’entrata abbiamo letto il loro motto che ci è rimasto impresso come un tatuaggio: the better we know the planet, the more we want to protect it. Happy travels! Ecco un’esemplare di National Giada nel suo habitat naturale.

Giada

E adesso RADIOOO A PARIS! Da sinistra: Lorenzo, Ilaria e Giada News (scusate se stava un attimo collegando i neuroni). Tra una crêpes e un café au lait abbiamo fatto due puntate. Qui sotto c’è quella in italiano.

IMG_4441

E qui quella in francese!

E da Parigi con Macron abbiam fatto e domani a Milano ci aspetta OBAMA ihihih! Non ci credete? stiamo in contatto che non si sa mai 😎

Tour Eiffel2

 

 

 

copertina giusta2

Alziamo un’antenna a Parigi: day 3, Jardin des Plantes

Bella ragaa!

Stamattina è il nostro terzo e ultimo giorno qui a Parigi 😭 Noi non vogliamo più tornare a casa!

Stamattina alle 6.15 abbiamo fatto un collegamento con Radio Rai2 per raccontare come abbiamo vissuto questi giorni di ballottaggio per le elezioni francesi, e soprattutto Ilaria, che è la nostra inviata di qui e vive a Parigi da 3 anni, ha raccontato come lei e i suoi coetanei vedono l’elezione del nuovo Presidente francese. Abbiamo fatto la diretta al telefono in pigiama ed è stata per noi un’opportunità enorme!

Poi siamo andati in un posto stupendo (anche se il tempo fa davvero schifo): al Jardin des Plantes.

IMG_3995

E’ un giardino botanico con piante e fiori di tutti i tipi, e nel palazzo che si vede in fondo ci sono mostre ed esposizioni. Ecco qua sotto un po’ di natura carciofata (in francese carciofo=artichaut) 😂

CArciofi

Abbiamo fatto un giro per il giardino tra strane piante acquatiche e.. rane, con quella fastidiosissima pioggia che fa appannare gli occhiali. Questa qui sotto è una speaker fantastica. Giada ci ha fatto un Giada News epico!

Rana

Stiamo per entrare nel museo a vedere una fighissima mostra fotografica della National Geographic, ci sentiamo più tardi per i particolari, e non perdetevi le nostre dirette oggi alle 16.30 da PARIS!

Noi star

Monet web

Alziamo un’antenna a Parigi: day2 AAA cercasi speaker parigini

Bonjour!

Stamattina siamo stati al Musée de l’Orangerie a vedere le bellissime ninfee di Monet, non potevamo mica perdercele!

DSC_8684

Poi abbiamo fatto una passeggiata nel Marais, una zona piena di ristoranti e falafel, e ci siamo abbuffati di cibo libanese.

DSC_8690

Alle 15.15 ci siamo collegati con gli speaker di Castel Guelfo per un evento fighissimo. Oggi infatti c’era la Run 4 Unity, una maratona che si corre dalle 11 alle 12 in tutto il mondo in tutti i fusi orari. Insieme a noi in diretta c’erano ragazzi dal Guatemala, dall’Australia, dal Messico, da Dredsa ed è stato davvero bello.

Alle 16.30 abbiamo incontrati alcuni amici di Ilaria e siamo andati insieme a Belleville, un quartiere pieno di graffiti e di ragazzi. Guardate com’è artistica questa foto  😏

Tappi bombolette rid

Abbiamo fatto una presentazione e raccontato ai ragazzi cosa facciamo, domani li rivediamo e facciamo una prima diretta!

Paris 1

Adesso stiamo tornando a casa e cerchiamo di andare a letto presto.. domani alle 6.15 abbiamo un collegamento con Radio2 per parlare di come gli adolescenti vedono le elezioni presidenziali e cosa ne pensano della vittoria di Macron (siamo qui davanti alla TV a seguire tutta la cerimonia, anche se non capiamo una cippa di francese)!

DSC_8698

Bonne nuit e vive la France!

IMG_3970

Una nuova antenna a Parigi: day 1

Amisss!

Stamattina siamo arrivati a Parigi proprio nei giorni in cui c’è il ballottaggio per le elezioni francesi. Finalmente abbiamo conosciuto Ilaria, la nostra primissima inviata di Parigi. In questi mesi ci siamo sentiti via Skype e vederla è stato bellissimo. Lei abita un po’ fuori, a Joinville-le-Pont, un paesino con un canale con l’acqua verde smeraldo in cui tantissimi fanno canoa. Appena arrivati siamo andati a casa sua per una classica pasta al tonno 😍

IMG_4429

Poi abbiamo fatto un primo giro per la città e siamo stati al Centre Pompidou, siamo entrati in quei tubi giganti che si vedono da fuori da cui si vede tutta Parigi, una figata pazzesca!

FullSizeRender(18)

Dopo una bella omelette siamo tornati a Joinville. Domani incontreremo alcuni ragazzi di qui interessati a Radioimmaginaria, il nostro obiettivo è tornare in Italia sapendo che un bel gruppo di speaker registrerà anche da PARIS!

Blog ITA

Una nuova antenna a Parigi!

Ciao amicii!

Siamo in partenza per Parigi! Andiamo a trovare Ilaria, la nostra primissima speaker in tutta la France, e a cercare nuovi tipi immaginari che si uniscano a lei per aprire una fighissima redazione sotto la Tour Eiffel (seh, magari!) 😂

In questi giorni faremo delle puntate sia in italiano che in francese, e domenica alle 16.30 incontreremo all’Hôtel de Ville chiunque sia curioso di sapere cosa sia Radioimmaginaria o voglia entrare a far parte della nostra community.

Noi siamo gasatissimi e per questo dobbiamo anche ringraziare chi ci sostiene e ci aiuta ad ampliare il nostro network anche all’estero, grazie mille!

Salut les amis, au revoir!

 

 

 

IMG_3355(1)ridotto

Milano Food City: in diretta dall’inaugurazione! #allforfood

Siamo in diretta da All For Food, l’evento di inaugurazione della Milano Food City. In pratica a Milano dal 4 all’11 maggio ci sarà una versione più street di Expo, con un sacco di eventi in giro per la città e cibo ovunque! Ascoltate la puntata qua sotto 😎

Siamo all’esterno della Fondazione Feltrinelli per raccontare questo evento pieno di musica, cibo e gente che..magna! I primi che abbiamo intervistato sono i presentatori della serata: Filippo Solibello ed Elasti che ci hanno spiegato subito il gioco della pesata.

IMG_3350ridotto

Appena siamo arrivati abbiamo visto una bilancia e ci hanno spiegato che stasera chiunque voglia potrà essere pesato, alla fine della serata più pesano le persone che hanno partecipato e più cibo verrà donato ad alcune associazioni che a Milano si occupano di dare cibo a chi non ne ha.

Un’idea molto bella, secondo noi. Matteo infatti non vede l’ora di abbuffarsi (anche il cibo finto gli va bene) 😂

IMG_3357ridotto

Poi abbiamo intervistato Rossella Citterio, che noi abbiamo conosciuto ad Expo 2015 e che ha organizzato questa serata. Eccola qui!

image1(9)

Poi siamo riusciti a beccare Cristina Tajani, assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano (meno male che ci ha spiegato lei cosa vogliono dire tutti quei nomi!).

Sul palco invece c’è Don Pasta, un dj che suona in console mentre cucina, ma come fa?

Noi ci siamo divertiti un sacco ma adesso abbiamo fame e andiamo anche noi a mangiare, più pesiamo e più doniamo no? 😏

CARDTWITTER_foodcity

Milano Food City: All For Food, più siamo più doniamo!

Ciao raga! Stasera saremo anche noi all’inaugurazione della Milano Food City, praticamente a Milano dal 4 all’11 maggio ci saranno un sacco di eventi legati al mondo del cibo e dell’alimentazione sana, showcooking, degustazioni, tipo Expo ma in giro per la città.

Oggi dalle 19.30 alle 21.30 saremo anche noi all’esterno della Fondazione Feltrinelli per fare interviste e dirette. Ci saranno il sindaco di Milano Beppe Sala, gli assessori Tajani e Guaineri, e il dj set di Don Pasta e Lele Sacchi!

In più ci sarà una cosa fighissima: una bilancia peserà tutti quelli che verranno all’evento. Più peseranno i partecipanti, e più cibo verrà donato a chi non ne ha!

Se siete a Milano venite a fare un salto ☺

alice-in-wonderland_2-1800

Confessioni di un’adolescente alle prese con la vita

La radio tocca tutti intimamente e personalmente: il suo aspetto più immediato è un’esperienza privata

Marshall McLuhan

Diversi giorni fa mi sono imbattuta in questa frase che mi ha colpita particolarmente. Così mi è venuto in mente di scrivere della mia esperienza in Radio. Non vi dirò chi sono né tantomeno da dove vengo, potrete scoprirlo soltanto leggendo, così che nelle mie parole, spero, possiate riscoprire un po’ di voi stessi.

La mia esperienza è iniziata pochi mesi fa, quando la calura estiva ancora si faceva “sentire”. Sono stata subito affascinata dai ragazzi e dalle ragazze che discutevano di attualità con tanta passione, seduti intorno a quello che poi ho imparato a chiamare StreetLab. In quei giorni in cui li ho visti lavorare duramente mi sono innamorata, innamorata della loro forza, della loro creatività e del loro amore nel fare questa “piccola grande cosa”. In quell’angolino di Paradiso, mi sono immaginata anch’io, ed è così che ho cominciato. Il primo evento a cui ho partecipato mi ha riempito il cuore di gioia perché lì, proprio a Castel Guelfo di Bologna, ho capito che la Radio era il posto adatto a me:un posto in cui mi sentivo libera, un posto in cui potevo finalmente volare insieme a tutti quelli che, come me, si erano rifugiati in quel sicuro nido.

Quando sono dovuta andare via ho sentito un vuoto dentro incolmabile, quasi come se qualcuno avesse gettato il mio cuore nel profondo mare. Mi mancava ogni cosa di quel posto, ma soprattutto mi mancavano quelli che “quel posto” lo avevano reso speciale.

In quei mesi che ho trascorso da sola registrando puntate, ho capito che non potevo piú andare avanti così. Mi serviva una persona in più, qualcuno con cui condividere questa esperienza.

Purtroppo però “quella persona” non è mai arrivata. E così, senza perdermi d’animo, ho ripreso il treno per una seconda volta. In un posto meraviglioso ho ritrovato le mie ”persone”, quelli che mi hanno fatta sentire me, per una volta.

La vita di un’adolescente è davvero molto complicata, e adesso che sono entrata nell’età adulta, così come molti dicono, posso ribadire che Radioimmaginaria mi ha “salvata”.

Mi ha aiutata a capire che non bisogna giudicare un libro dalla copertina, mi ha aiutata nei momenti di sconforto, ma soprattutto mi sta aiutando a capire chi sono e cosa sarò. Sono passati ormai mesi dal mio ultimo servizio, ma questo non mi ha impedito di pensare sempre a Radioimmaginaria e a tutti i nostri piccoli traguardi. La mia ispirazione ormai si è affievolita, forse perché ho capito di essere cresciuta.

Questo peró non mi impedisce di restare, seppur in questo momento, sempre vicina a chi mi ha insegnato ad usare le parole nel modo corretto. Quando sei adolescente è difficile farti ascoltare dagli altri, soprattutto dagli adulti, ma Radioimmaginaria ti fornisce questa splendida opportunità. Ciò che mi ha fatta innamorare di lei, infatti, è stato il mondo in cui tenta, grazie alla voce degli adolescenti, di approcciarsi alla vita reale, nonostante questo a volte possa essere, per un ragazzo, molto difficoltoso. Ho amato sin dal principio la semplicità e la maturità con cui venivano affrontati gli adulti intervistati e la grinta con cui a volte venivano persino contrastati.

Tutte queste esperienze mi hanno fatto comprendere che io voglio prendermi cura della Radio, ma che soprattutto voglio restare al fianco delle persone che la rendono così speciale.

Spero che chiunque abbia letto questi brevi pensieri si sia riconosciuto almeno un po’. Infine, volevo ringraziare questa società, ricca di stereotipi e di falsità, per aver fatto sì che persone come me, incomprese, si siano riunite per creare un qualcosa di davvero unico. In fondo bisogna sempre ricordare che “I MIGLIORI SONO MATTI”.

Mizuki

IMG_4414

Darsena PopUp: 29 aprile, una nuova antenna a Ravenna #day2

Ragazzi noi a Ravenna ci siamo divertiti tantissimo. Qui a Darsena PopUp, la fighissima sede dei nuovi tipi immaginari di Ravenna, abbiamo fatto un sacco di cose: abbiamo fatto diretta, abbiamo provato a fare parkour, ad andare in skate e ci siamo anche abbronzati! 😎

Adesso siamo qui che smontiamo prima di tornare a casa, guardate che carino il nostro Startʞube!

IMG_4412

Qui a Ravenna con i nostri nuovi speaker abbiamo passato due giornate bellissime, vi lasciamo qua sotto l’ultima diretta di oggi che fa davvero pisciare addosso dal ridere 😂

Qui da Ravenna è tutto, ci sentiamo prestissimooo!

IMG_4413

IMG_20170429_165353212

Darsena Pop Up: 28 aprile, alziamo una nuova antenna a Ravenna!

Bella raaaga!

Era da un po’ che non andavamo in giro ad alzare antenne qua e là, e invece oggi siamo a Ravenna per festeggiare la nuova sede di Radioimmaginaria qui!

Questa volta siamo in un posto assurdo: si chiama Darsena PopUp, un’area piena di container colorati in cui si fanno festival ed eventi. La sede della nuova antenna di Ravenna sarà proprio in uno di questi container e noi siamo gasatissimi!

IMG_20170429_165448209

Per festeggiare saremo qui due giorni durante il LOOSE Festival 2k17, un festival internazionale di musica elettronica e digital arts, e ci sarà anche una radio di Berlino. Hanno parlato di noi e di questo evento anche nell’articolo che vedrete se cliccate QUI!

IMG_20170429_165715113

Noi siamo in diretta proprio da qui con gli speaker della nostra antenna di Ravenna nel nostro piccolo container sbrilluccicoso, lo Startʞube!

 

IMG_3759(1)

Ponza Geographic: 24 aprile, la festa delle torte e dello swing!

Ragazzi l’isola di Ponza è un delirio!

Dal porto si sente della musica e un profumo di cibo buonissimo. Infatti oggi ci sarà una grande festa che abbiamo organizzato insieme al Comune di Ponza e ad una band molto speciale.

Succederanno un sacco di cose: alle 18.15 comincia la nostra diretta mentre in fila arrivano un sacco di TORTE! Abbiamo lanciato un contest a tutti i ragazzi dell’isola che hanno cucinato insieme a nonne, zie e parenti vari dei super dolci.

Alle 19 ci sarà un aperitivo offerto dall’enoteca Isola del Vino all’O’Sarracino Bar di Ponza, e dalle 21 comincia lo Swing Cooking Show! Praticamente è il concerto di questa band bravissima che fa swing e mischia musica e cucina. Mentre Nazareno Mangiafuoco (un cuoco bravissimo dell’isola) prepara la cena per tutti, la band suona e cucina insieme a lui. Il tutto.. SU UNA BARCA! Esatto, sia la nostra poostazione radio che il palco e la cucina sono sulla Moby Dick, una barca attraccata al molo di fronte all’O’Sarracino!

Aspettate le 22, perchè verrà premiata la torta più buona dell’isola! 😍

IMG_3754

Noi siamo carichissimi! E voi?

IMG_3760

fotoascensoreradiocity1

Radiocity 2017: 22 aprile ore 17.13

Ieri il nostro primo giorno di Radiocty è andato benissimo! 💣

Anche oggi ci siamo imbucati in altre radio e siamo riusciti a salire sul main stage del Padiglione dell’Unicredit durante una puntata in diretta di Radio Capital!

blogradiocity11

Poi abbiamo conosciuto una cantante croata bravissima (e anche molto carina, infatti i ragazzi avevano tutti gli occhi a cuore) che si chiama Mia e ha cantato nella nostra diretta International 😍

IMG_3727

Qui l’atmosfera è davvero una figata. C’è musica e radio ovunque e un sacco di gente. Noi siamo in piazza Gae Aulenti anche domani e non smettiamo di andare in diretta!!

 

image2(1)

Radiocity 2017: prima direttaaa ore 15.00 #imbucati

Sono le 15 e noi partiamo con la prima diretta! L’aria è freschina ma per fortuna il nostro StreetLab è al sole e si sta bene 😎

Abbiamo inventato un programma che si chiama GLI IMBUCATI, funziona così: visto che qui a Radiocity si sono radunate tantissime radio e webradio da tutta Italia e dal mondo, abbiamo pensato di imbucarci nelle dirette di altri speaker per fare un po’ di casino. Oggi ci siamo intrufolati in un box di vetro mentre andava in diretta Radio Stonata e gli abbiamo anche rubato una notizia! Sapevate che in Cina c’è uno zoo che fa pagare i visitatori 145 dollari per pulire la cacca degli orsi polari?? 😂

Imbucati 1

Poi abbiamo mandato un’intervista che abbiamo fatto ieri a Tempo di Libri, la fiera del libro di Milano, allo scrittore per ragazzi Alessandro Gatti. E mentre un po’ di noi erano in puntata dallo StreetLab, altri hanno partecipato ad una puntata in diretta di Radio Rai1.

IMG_3711

Seguite le nostre dirette tutto il giorno per sentire cosa stiamo combinando qui!