Social Media

 

Spedizione Gijón: 21 novembre ore 13.02

Amigos,

La nostra avventura in Spagna si è conclusa. Stamattina alle 4.30 abbiamo preso un taxi da Gijón fino all’aeropuerto de Asturias. Ci aspetta una giornata un po’ pesante: alle 7.35 abbiamo l’aereo da qui a Madrid e alle 15.45 lo scalo dalla capitale spagnola a Venezia.
Arrivati a Madrid, però, non vogliamo annoiarci 7 ore in aeroporto così facciamo un salto al Museo del Prado, una delle pinacoteche più belle di tutta la Spagna.

img_2246

Tra l’altro c’era pieno di bambini che giravano il museo in fila indiana, non pensavamo che dei nanetti di 3-4 anni potessero divertirsi in un museo di arte. Ma la cosa più scioccante di tutte è stato scoprire che la Ludo è uguale identica ad un quadro che abbiamo visto là, il ritratto dell’Infanta Catalina Micaela dipinto da Alonso Sánchez Coello (guardare per credere! Mamma che impressione!).

img_2251

Sono le 13.02

Stiamo aspettando il treno per tornare in aeroporto. Siamo stanchi e sudaticci (puzziamo insomma) e ci dispiace un sacco dover già tornare a casa. Domani si torna a scuola e tutto torna alla normalità (che palle!).
Allo stesso tempo siamo davvero entusiasti perché questo viaggio non ci ha solo permesso di condividere l’esperienza di Radioimmaginaria con ragazzi della nostra età che vivono in un altro paese e parlano una lingua diversa dalla nostra, ma ci ha fatto stringere nuovi legami e amicizie.

Le puntate che abbiamo fatto insieme a Sandra, Nacho, Paula, Pedro, Kiko, Iván, Celia, Victoria, Cecilia e Andrés (c’è voluto un po’ ma siamo riusciti a imparare tutti i loro nomi) sono state fighissime, ma non sono mancate le cene, le risate, le chiacchierate fatte mixando italiano, spagnolo e inglese.
Adesso i tipi immaginari di Gijón hanno tutto quello che gli serve per registrare le loro puntate. Ora nessuno riuscirà più a fermare la prima redazione di Radioimmaginaria TúTambién a Gijón!

Senza il sostegno di Marchesini Group, che ci sta aiutando a portare Radioimmaginaria in tutto il mondo, non ce l’avremmo mai fatta e questa spedizione non sarebbe stata la stessa. ¡Muchas graciasss!

Se siete curiosi di ascoltare cosa abbiamo fatto in questi giorni con gli speaker di Gijón (o se volete fare colpo sulla ragazza che vi piace con qualche parola caliente in spagnolo) andate ad ascoltarvi le nostre puntate sulla pagina Facebook di Radioimmaginaria International!

Adiosssssss

Ludo, Amalia, Ade, Tugno e tutta la redazione di Radioimmaginaria #TúTambién en Gijón

img_3899

Identikit Gijón

Sandra

sandra

Timbro di voce: si dice angelico
Potere segreto: parla con gli animali
Cibo al cinema: pop-corn, ovvio
Serie tv: Game of Thrones
Destra o mancina: destra

Paula

paula

Timbro di voce: squillante
Potere segreto: parlare alla velocità della luce
Cibo al cinema: kit kat
Serie tv: Pretty Little Liars
Destra o mancina: destra

Nacho

nacho

Timbro di voce: caldo
Potere segreto: riuscire a scegliere sempre le cose piu difficili
Cibo al cinema:caramelle gommose
Serie tv: The Walking Dead
Destro o mancino: mancino

Pedro

pedro

Timbro di voce: pubertà
Potere segreto: disegnare personaggi che prendono vita
Cibo al cinema: patatine fritte
Serie tv: One Piece
Destro o mancino: destro

Kiko

kiko

Timbro di voce: basso
Potere segreto: capacità di rispondere a qualsiasi domanda con “per me e uguale, mi va bene tutto”
Cibo al cinema: al cinema beve solo la coca-cola
Serie tv: Naruto
Destro o mancino: destro

Cecilia

cecilia

Timbro di voce: melodioso
Potere segreto: cantare come un angelo
Cibo al cinema: chupa-chups
Serie tv: How I Met Your Mother
Destra o mancina: mancina

Iván

ivan

Timbro di voce: ha una voce colorata, si puó dire?
Potere segreto: fare amicizia con qualsiasi persona sulla faccia della Terra
Cibo al cinema: pop-corn
Serie tv: Modern Family
Destro o mancino: destro

Andrés

andres

Timbro di voce: grave
Potere segreto: vincere una partita di basket da solo
Cibo al cinema: oreo
Serie tv: La vita secondo Jim
Destro o mancino: mancino

Celia

celia

Timbro di voce: acuto
Potere segreto: si trasforma in una sirena quando tocca l’acqua
Cibo al cinema: pop-corn
Serie tv: Big Bang Theory
Destra o mancina: destra

Victoria

victoria

Timbro di voce: accattivante
Potere segreto: far innamorare chiunque sbattendo le ciglia
Cibo al cinema: M&M’s
Serie tv: Niñas Mal
Destra o mancina: destra

Adelina

ade

Timbro di voce: petaloso
Potere segreto: fare le pernacchie alla gente
Cibo al cinema: M&M’s
Serie tv: The Hundred
Destra o mancina: destra

Ludovica

ludo

Timbro di voce: accademico
Potere segreto: far vedere la luce alla gente
Cibo al cinema: liquirizia
Serie tv: Game Of Thrones
Destra o mancina: destra

Tugno

tunio

Tibro di voce: sibillino
Potere segreto: avere sempre i capelli perfetti, in tutte le occasioni
Cibo al cinema: pop-corn
Serie tv: Jersey Shore
Destro o mancino: destro

Amalia

milli

Timbro di voce: da esistenzialista
Potere segreto: inciampare
Cibo al cinema: chipster
Serie tv: Lost
Destra o mancina: destra

Spedizione Gijón: 20 Novembre Ore 17.43

Sono le 17.43

Holaaa!

Oggi è il nostro ultimo giorno con i nuovi tipi immaginari di Gijón, la primissima antenna spagnola di Radioimmaginaria!

Stamattina i ragazzi ci hanno portati a visitare la Universidad Laboral, un edificio enorme in cui si studiano teatro, economia, arte.

img_20161120_125347-low

Dopo la visita guidata siamo tornati verso il centro della città e Ludo e Sandra hanno registrato un servizio mentre camminavamo per il lungomare.

img_3891

img_3893

img_3894

img_3889

Se volete farvi un giro immaginario per Gijón con noi, ascoltate il servizio che abbiamo registrato. Indovinate: dove siamo?


Dopo pranzo ci diamo appuntamento di fronte all’enorme scritta rossa “Gijón” per fare delle foto e dei video come delle vere star. Facciamo un gran casino e tutti ci guardano male.. Cheeese!

Dopo questo shooting (che parola da fashion blogger, no?) torniamo con tutti i ragazzi al Bar Noega, la sede di Radioimmaginaria #TúTambién a Gijón, perchè oggi ci aspetta un pomeriggio davvero impegnativo: faremo come ieri una diretta in spagnolo, una in inglese, una in italiano (così anche voi babbani potete capire cosa stiamo facendo) e in più registreremo dei jingle fighissimi con i chitarristi della band di Nacho!

Nosotros estamos listos, ¿y vosotros?

Spedizione Gijón: 19 Novembre ore 16.06

Sono le 16.06

E si parte con la prima diretta in spagnolooo! Per tutti i tipi immaginari spagnoli questa è la prima puntata registrata con la strumentazione, il mixer e i microfoni.

Nella prima puntata decidiamo di fare una challenge italiani vs spagnoli. Dopo un’intro carichissima di Pedro, che oltre a fare lo speaker si è messo a imparare a fare regia con il mitico Tugno e con Nacho, nel primo slot facciamo un gioco: a turno, prima gli spagnoli e poi noi italiani, leggiamo un modo di dire. Vince chi indovina.

img_2228

Ludo e Ade secondo i nostri pronostici dovrebbero vincere senza problemi: sanno parlare spagnolo mentre i ragazzi non sanno una parola di italiano (forse solo ciao, pasta e pizza). Ma la sfida finisce 3-1 per gli spagnoli. Andrés le indovina quasi tutte, mentre Ludo e Ade perdono miseramente.

Nel secondo slot invece parliamo degli steorotipi. Gli spagnoli ci dicono che quando pensano all’Italia hanno in mente principalmente due cose: la mafia (che non è proprio un complimento, ahahah) e la pasta. Quando gli diciamo che alcuni di noi mangiano la pasta anche tutti i giorni, non ci possono credere. Loro la mangiano solo una volta alla settimana… ma come fanno? Da dove li prendono i carboidrati?!

Invece noi diciamo: flamenco, paella e siesta e ammettiamo di non saper distinguere i messicani dagli spagnoli, tanti in Italia se li immaginano baffuti e con il sombrero.
Ci siamo divertiti un sacco e i ragazzi sono esaltatissimi!
Dopo un’altra diretta in inglese e una in italiano (perché anche i nostri amici a casa capiscano cosa stiamo facendo) torniamo a casa e ci prepariamo per uscire. Stasera ci portano in un ristorante tipico asturiano.. che fame!

Ecco la puntata di cui abbiamo parlato, se capite lo spagnolo schiacciate play!

Spedizione Gijón: 19 Novembre ore 11.34

Sono le 11.34

I genitori di Paula, una delle speaker spagnole di Radioimmaginaria, ci hanno lasciato una sala nella loro caffetteria per poterci trovare tutti insieme. Parlando un po’ in spagnolo, un po’ in inglese e un po’ in italiano (molto a gesti!) siamo riusciti a capirci tutti: ci siamo abbracciati, conosciuti, abbiamo scherzato e abbiamo condiviso con loro la nostra esperienza di Radioimmaginaria. Abbiamo raccontato loro delle avventure che ci sono capitate, dei personaggi che abbiamo incontrato e intervistato e di come è organizzata la radio. Adesso stiamo preparando gli argomenti per l’episodio che registreremo questo pomeriggio, mentre Tugno spiega a Nacho i segreti della regia.
Oggi parleremo di Italia vs Spagna: è finalmente arrivato il momento di capire chi è il popolo più caliente, più pigro, quello più simpatico. Ci viene da ridere mentre ne parliamo adesso, non immaginiamo le risate che ci faremo durante la puntata!

img_2173

Ecco il primo episodio. Sentite qua

Spedizione Gijón: 19 Novembre ore 9.22

Sono le 9.22

Buenos días!

Oggi è il nostro secondo giorno a Gijón. Stamattina ci troveremo con tutti i dieci ragazzi della nuova antenna di Gijón e faremo insieme una specie di laboratorio di radio. Registreremo delle puntate in spagnolo, in italiano (ci starebbe un sacco provare a farne alcune anche anche in “itagnolo” o in “spaliano”, un mix delle due lingue).

Prima di cominciare a “lavorare”, però, facciamo colazione tutti insieme al Café Noega, il locale della mamma di Paula, una delle nostre muove tipe immaginarie spagnole.

Ieri sera abbiamo provato le tapas, e stamattina facciamo colazione con i churros, dei dolci tipici che si mangiano con la cioccolata calda. Che bontà rega!

Adesso che abbiamo lo stomaco pieno posiamo cominciare! Animoooooo!

Spedizione Gijón: 18 Novembre ore 20.00

Scesi alla stazione degli autobus di Gijón riconosciamo Nacho: é principalmente lui che ha sparso Radioimmaginaria per le strade di questa cittadina e ha convinto molti suoi amici a saltare a bordo! Incontriamo per la prima volta Paula e Sandra, Kiko e Pedro ci raggiungeranno più tardi, mentre gli altri li conosceremo domani… per ora andiamo ad appoggiare le valigie (sono loro che ci ospiteranno) e ci prepariamo per un giretto per Gijón.

Sono le 20.00

Come vedete dalla foto, Gijón si trova sul mare. C’è un gran vento e i ragazzi ci raccontano che a volte le onde arrivano fino alle loro case. Sperando di non bagnarci posiamo per la nostra prima foto insieme. Che divi!

Dopo aver fatto un giro per la città ci raggiungono anche Kiko e Pedro, sono due fratelli e sono davvero simpatici. Parlare con tutti loro su Skype era divertente, ma passare del tempo insieme e condivedere questi momenti è tutta un’altra cosa.

Comincia a venirci un po’ di fame, quindi i ragazzi ci portano a mangiare le tapas, piatti tipici spagnoli che assomigliano a degli antipasti e che ci piacciono un sacco! A tavola parliamo della musica che ci piace, i ragazzi ci fanno degli indovinelli in spagnolo e noi proviamo a insegnargliene qualcuno in italiano.

Dopo esserci salutati ognuno torna nella casa in cui sarà ospitato in questi quattro giorni. Domani ci aspetta un gran lavoro e delle puntate fighissime!

img_2125

Spedizione Gijón: 18 novembre ore 13.48

Sono le 13.48

Finalmente siamo arrivati all’aereporto delle Asturie, la penultima tappa del nostro viaggio. Ci sono stati scali, corse, valigie, autobus e ascensori misteriosi, e siamo un pochino stanchi. Un panino al volo all’aereporto e poi prenderemo l’autobus che, finalmente, ci porterà a destinazione.

Siamo un po’ agitati ed emozionati, tra non molto vedremo per la prima volta le persone che abbiamo conosciuto in questi mesi via Skype e che abbiamo ascoltato nelle puntate che hanno registrato per il canale in spagnolo di Radioimmaginaria: Radioimmaginaria #TúTambién.

Fa davvero strano, e siamo orgoglisi che un progetto che noi sentiamo e viviamo così vicino alle nostre case e alle nostre vite – la sede dell’antenna di Bologna per esempio è a soli 10 minuti da casa di Amalia – possa essere condivisa da altri ragazzi che vivono a distanza così grande rispetto a noi.
Radioimmaginaria raggiunge davvero tutti gli adolescenti del mondo!

Spedizione Gijón: 18 novembre ore 5.02

Hola genteee!

Sono le 5 del mattino (se non ci credete guardate le nostre facce nella foto, soprattutto quella di Amalia che è stravolta) e siamo all’aeroporto di Venezia. Stiamo partendo, direzione: Gijón (nessuno di noi riesce a pronunciarlo ma va beh)! Una città nel nord della Spagna, della regione delle Asturie.
Come sapete non trasmettiamo puntate solo in italiano, ma anche in inglese, francese, albanese e spagnolo.
Il canale in lingua spagnola si chiama Radioimmaginaria #TúTambién (che significa ‘anche tu’) e lo abbiamo inaugurato quest’estate al Festival del cinema di Giffoni, l’unico festival di cinema in cui i giurati sono tutti adolescenti e arrivano da tutte le parti del mondo.
Lì un gruppo di nostri speaker ha cominciato a fare puntate in spagnolo: alcuni di noi lo hanno studiato alle medie, altri lo studiano al liceo linguistico, ma c’è anche chi lo parla a casa tutti i giorni, come Adelina che è argentina e Cesar che viene dal Venezuela.
All’inizio era un gran casino! Adelina e Cesar parlano con l’accento sudamericano, Giada lo studiava da solo un anno e Mario, che lo aveva studiato alle medie e non lo ripassava da 2 anni, ogni tanto ci metteva dentro qualche parola inglese o inventata (tanto lo sappiamo che a volte basta aggiungere una “s” alle parole italiane 🙂 facile no?).
A fine estate Nacho, un ragazzo di Gijón ci ha contattato e, assieme a  Laura, ha deciso di unirsi alla nostra grande community (questo vuol dire essere un network!)  che comprende ragazzi da tutta Italia, ma anche dalla Norvegia, dal Belgio, dall’Inghilterra, dall’Irlanda, dal Lussemburgo, dalla Francia e dagli Stati Uniti. Oleeeee!
Nel giro di un mese alla redazione di Gijón composta da Nacho e Laura si sono uniti altri ragazzi. Si è sparsa la voce, lo hanno detto a tutti: amici, cugini, compagni della scuola di teatro e oggi Laura, Nacho, Paula, Sandra, Francisco detto Kiko, Cecilia, Iván, Celia, Sara, Pedro e Andrés stanno aspettando il nostro arrivo!
In queste settimane ci siamo sentiti spesso via Skype per conoscerci, condividere l’esperienza della radio e per parlare delle loro puntate. I loro episodi sono bellissimi: Paula vuole fare l’attrice e a volte in puntata si inventa dei personaggi, Nacho ha un gruppo musicale e a volte porta la chitarra e si mette a suonare, Kiko è un appassionato di videogames e ha fatto la recensione di PokémonGo.
Adesso che sono un bel numero abbiamo deciso di prendere l’aereo e andare da loro. Grazie ai nostri sostenitori, come Marchesini Group che ci aiuta a realizzare Radioimmaginaria International  (pagina Facebook), l’esperienza di Radioimmaginaria per coinvolgere sempre più adolescenti nel mondo e continuare a immaginare e ad innovarci tutti insieme, ci siamo imbarcati a Venezia con una valigia piena di microfoni, mixer, cavi e gadget per inaugurare ufficialmente la nostra prima antenna in Spagna!
Adesso stiamo per salire sull’aereo, ci siamo svegliati alle 3 del mattino, dovremo fare uno scalo, prendere un altro autobus ancora e poi forse saremo arrivati, ma ne varrà la pena: tra poche ore conosceremo di persona los chicos y las chicas de Radioimmaginaria Gijón! Ma prima dormiamo un’oretta o due!
Non perdetevi le nostre avventure dalla Spagnaaaaaa!